Lo psico-blog

Ancora sul senso materno: e se non ci fosse ?

77006524_picture" alt="Ancora sul senso materno - il parere dell'esperto" title="Ancora sul senso materno - il parere dell'esperto" />
© Getty Images


Diametralmente opposto sembra invece l’atteggiamento di giovani o meno giovani donne per le quali l’idea di avere un figlio è assolutamente aliena e non presa in considerazione. Spesso il senso di disagio insorge dopo i 35 anni, quando biologicamente la possibilità di maternità si profila non più illimitata, ma con un tempo a scadenza. In questi casi spesso emerge un senso di colpa, “Perché non desidero avere un figlio ?”, e una messa in discussione delle scelte del passato, di solito concentrato sullo studio e l’affermazione professionale. A volte, il non desiderio nasce dalla riluttanza di cambiare il proprio stile di vita, che piace così com’è, altre volte dall’idea di doversi prendere cura di un altro essere umano, rinunciando così alla priorità delle proprie esigenze. Il senso del materno può tuttavia essere sperimentato, invitato a entrare, se la donna lo desidera,  per conoscere più a fondo se stessa, attivando questo archetipo, questo comportamento, quello materno, presente in ogni donna. Un modo per attivare Demetra, la madre mitologica, è immaginarsi nel ruolo di madre in un dato momento della giornata, o ancora prendendosi cura, alcune ore o per un tempo comunque limitato, di figli d’altri, animali o persone bisognose e analizzando gli stati emotivi interni che emergono. Che siano di rifiuto o accettazione, di disagio o di serenità.

Per saperne di più:

 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato
Scrivi un commento
Nickname :
Il tuo commento *
Codice * :
* Campi obbligatori
AipVFzDVWlfq, 16 maggio 2011 00:44 Allerta questo commento

The forum is a birghetr place thanks to your posts. Thanks!


Cerca

Newsletter