Lo psico-blog

Università: quale facoltà?

77005470_picture" alt="Università: quale facoltà? - il parere dell'esperto" title="Università: quale facoltà? - il parere dell'esperto" />
© Getty Images


La scelta della facoltà universitaria rappresenta per tutti gli adolescenti una delle più importanti decisioni da prendere, che probabilmente influenzeranno profondamente il corso della loro vita futura. E non c’è da stupirsi. Mi voglio solo soffermare su alcuni criteri e aspetti che dovrebbero essere considerati. Partiamo dalle variabili che non dovrebbero influenzare questa scelta: tra le principali, la pressione genitoriale, il seguire le orme lavorative del padre, in azienda, in studio o in qualsiasi attività, il guadagno economico, la richiesta di quella figura professionale nel mondo del lavoro. Nei migliori dei casi, anche riuscendo a terminare con successo gli studi o facendosi una posizione o, ancora, assicurandosi una tranquillità economica (se mai questa possa sussistere nella strutturazione attuale delle professioni, in Italia), si sarebbe persone insoddisfatte. Seguire ciò che non si sente, non sviluppare il proprio talento, qualunque questo sia, è un prezzo troppo alto da pagare, nel corso della vita. Inizialmente potrebbe sembrare la scelta più giusta, oculata razionale, vincente: ma la percezione del tradimento di se, di non aver dato ascolto alle proprie passioni, ai propri progetti, che potevano sembrare irrealizzabili, arriva sempre. E spesso è la causa principale di depressione, mancanza di senso nella vita, invecchiamento precoce.

Per saperne di più:

 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato
Scrivi un commento
Nickname :
Il tuo commento *
Codice * :
* Campi obbligatori
BCrUWOsgnAE, 16 maggio 2011 16:21 Allerta questo commento

Home run! Great slugging with that asnwer!


Cerca

Newsletter