Home  
  
  
    Depressione: le condizioni della guarigione
Cerca

Cura della depressione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Depressione: le condizioni della guarigione

Perché una depressione guarisca perfettamente sono necessarie una diagnosi precoce, una cura adeguata, con un giusto dosaggio dei farmaci, e l’osservazione accurata per tutto il tempo necessario delle prescrizioni del medico. Modello di cura.

Depressione: le condizioni della guarigione
© Getty Images

Le cifre della depressione sono particolarmente eloquenti riguardo alle insufficienze delle cure intese in senso lato… Su tre milioni di francesi che soffrono effettivamente di depressione, sono circa 120.000 coloro che tentano di mettere fine ai propri giorni. E uno su dieci vi riesce… Il dato è ancor più inquietante se si tiene conto che sei “suicidandi” su dieci si sono rivolti al loro medico nel mese immediatamente precedente! Infine, il 60% dei depressi subisce una ricaduta nei due anni successivi alla crisi iniziale.

Una gestione precoce della malattia

E’ quindi indispensabile, come prima tappa della gestione della malattia, riconoscere i sintomi della depressione: alterazione depressiva dell’umore, perdita d’interesse e di piacere per qualsiasi cosa, disturbi del sonno, affaticamento, difficoltà di concentrazione o di memoria, rallentamento, pulsioni suicide… E rivolgersi al medico. Più si rimanda la cura, più cresce il rischio di ricaduta.

Inoltre, via via che si manifestano nuovi episodi depressivi, la malattia si cronicizza e si riducono le possibilità di guarirne definitivamente.

 

Obiettivo: far sparire i sintomi.

La depressione è quindi una vera e propria malattia, “che non se ne andrà da sola con un po’ di buona volontà”. Deve essere curata con i farmaci. Sapendo che il loro effetto non è immediato. E’ inutile “saltare” da un antidepressivo all’altro. Ci vogliono almeno da quattro a sei settimane per valutare l’efficacia di un antidepressivo preso nella giusta dose. Tuttavia, nello stesso periodo gli eventuali effetti secondari del farmaco possono essersi già manifestati, e questo può scoraggiare più di un paziente… E’ comunque fuori discussione interrompere la cura prima della completa remissione dei sintomi, cioè prima che siano totalmente spariti. Un semplice miglioramento non basta.

Un trattamento di lungo periodo.

Ottenuta la remissione, il trattamento dovrà essere proseguito per ulteriori 4-6 mesi, necessari a consolidare il risultato. Sempre per evitare ricadute, un fattore di perpetuazione della malattia. Si tratta in effetti di non mancare il primo trattamento, guarendo l’episodio acuto e risparmiandosi eventuali ricorrenze depressive. “In caso di resistenza, o perché i  sintomi sono troppo gravi, in presenza di disturbi ansiosi… lo psichiatra consente di reinserire la crisi depressiva nella storia del paziente”, afferma il Prof. Maurice Ferreri (Ospedale Saint Antoine a Parigi) “e questo lo rende più forte”.

Dott. Brigitte Blond

Commenta
28/08/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Psicologia

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?