Home  
  
  
    La depressione in Italia
Cerca

Cura della depressione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Depressione, ansia, angoscia: l’Italia sta male

In Italia circa 5 milioni di persone soffrono di depressione e 3 milioni di ansia; ció significa più del 10% della popolazione (la schizofrenia e i disturbi psicotici colpiscono circa lo 1 per mille della popolazione).

La depressione in Italia
© Getty Images

In Francia è stata condotta un’inchiesta per 4 anni, 36000 persone interrogate… Un enorme lavoro che ha realizzato il centro collaboratore dell’organizzazione mondiale della sanità a Lille, e la Direzione della ricerca dei studi, della valutazione e della statistica. Lo scopo: valutare la salute mentale dei francesi. Vediamo come i dati possono aiutarci a capire le dinamiche sociologiche di queste condizioni psicologiche in Italia.

Depressione: l'epidemia!

Primo rapporto: la depressione è incredibilmente diffusa fra la popolazione. L’11% delle persone interrogate ha conosciuto un episodio depressivo nei 15 giorni dell'indagine. E il 6% di esse conosce regolarmente abbassamenti di umore significativi. Certamente, l’indagine non cercava di distinguere fra episodi depressivi "maggiori", come sono definiti nel Manuel diagnostico e statistico dei disturbi mentali americano (Diagnosis and Statistical Manual of Mental Disorders o DSM IV). Lo studio prendeva in considerazione gli abbassamenti di morale nel senso ampio. Così, erano considerati episodi depressivi alcuni disturbi che non avevano necessariamente una ripercussione personale o professionale importante.

Le donne, prime vittime

L’indagine conferma ugualmente che i disturbi psicologici interessano per la maggior parte le donne. Così, è il 13% ad avere conosciuto un episodio depressivo nelle ultime due settimane, un po’ meno dell’8% negli uomini. Allo stesso modo, le donne sono molto più numerose nel conoscere i disturbi ansiosi generalizzati. Le fobie sono ugualmente più femminili, specialmente l'agorafobia, che interessa due volte più donne che uomini.

L'effetto protettore della coppia

Il sesso non è il solo fattore determinante nei problemi psicologici: la situazione matrimoniale è fortemente legata alla salute mentale. Così, le persone divorziate o separate conoscono un maggior numero di episodi depressivi. Secondo le statistiche, è preferibile per la salute mentale essere sposati… o vedovi! Infine, come è prevedibile, la disoccupazione favorisce l’insorgenza di disturbi depressivi. Così, è meglio essere un uomo sposato attivo (solo il 6% ha conosciuto un episodio depressivo recente) che una donna separata disoccupata (una possibilità su 3 di avere conosciuto un evento depressivo negli ultimi 15 giorni).

Il suicidio: una minaccia importante

Un punto molto allarmante di questo rapporto: il rischio suicida. In effetti, secondo questa indagine, il 2% dei francesi presenterebbe un rischio elevato di effettuare un tentativo di suicidio! Il 9,1% delle donne e il 6,4% degli uomini interrogati hanno dichiarato di avere già tentato il suicidio durante la propria vita. In modo particolare, i disoccupati e le persone separate o divorziate sono le più colpite. E logicamente, il fatto di avere conosciuto recentemente un episodio depressivo aumenta i rischi.

Questi cifre sembrano attestare un vero e proprio malessere dei francesi, che sia legato alla loro situazione personale o professionale. Allora, se hai intorno persone che attraversano una situazione difficile, non esitare a circondarle e ad offrire loro il tuo aiuto. E se l’attacco depressivo colpisce te, non rinchiuderti in te stesso! Non esitare a parlarne: molte associazioni propongono un ascolto e puoi essere seguito da specialisti. Uscire da una depressione non è mai semplice, ma sempre possibile!

Alain Sousa

Commenta
17/10/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?