Home  
  
  
    L'iperico contro la depressione
Cerca

Cura della depressione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Una pianta anti-depressione

Per combattere una leggera depressione, fai ricorso alle piante!È quello che ti dirà presto anche il medico se soffri di un leggero calo dell’umore. Il famoso iperico, infatti, pianta conosciuta per le sue virtù anti tristezza, ha appena ricevuto l’autorizzazione per essere lanciata sul mercato, un riconoscimento ufficiale in piena regola. Diventa dunque a tutti gli effetti un trattamento contro la tristezza. La fitoterapia finirà col sostituire gli psicologi?

L'iperico contro la depressione
© Getty Images

L’iperico è una pianta che cresce nelle zone temperate di tutti i continenti. Da anni, gli si attribuiscono virtù antidepressive.

Un po’ di verde per vedere la vita in rosa!

Numerosi studi hanno tentato di verificare la reputazione dell’iperico. Alcuni di questi hanno così riscontrato una consistente efficacia di questa pianta, con una percentuale del 67% dei pazienti, contro il 28% di quei pazienti che ricevevano un placebo. Altri lavori,hanno portato a conclusioni meno entusiastiche, con poca differenza tra i gruppi di malati sottoposti all’iperico e quelli a cui veniva somministrato un placebo. Infine, diverse ricerche hanno confrontato gli effetti dell’iperico e degli antidepressivi sulla depressione minore. I risultati hanno dimostrato un’efficacia spesso simile, con meno effetti collaterali nel trattamento fitoterapeutico!Sebbene l’iperico rimanga oggetto di teorie discordanti, l’autorizzazione di immissione sul mercato (AMM) rappresenta il riconoscimento da parte delle autorità sanitarie delle sue virtù.

Solo per le depressioni leggere

Attenzione, però, l’iperico non cura tutti i problemi. La sua AMM precisa che può essere prescritto nelle“manifestazioni depressive leggere e transitorie”. Cosa nascondono esattamente questi termini?In effetti la depressione risponde a criteri ben precisi definiti nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (Diagnostic and Statistical Manual of MentalDisorders o DSM-IV). I sintomi descritti sono nove, di cui almeno cinque devono durare per due settimane, e uno dei primi due deve essere obbligatoriamente presente:

1 – Umore depresso continuo;

2 – Perdita d’interesse o di piacere per qualsiasi attività;

3 – Disturbi dell’appetito o variazione di peso del 5% durante l’ultimo mese almeno;

4 – Disturbi del sonno (insonnia o ipersonnia);

5 – Agitazione o netto rallentamento;

6 – Stanchezza eccessiva;

7 – Sensi di colpa inappropriati;

8 – Difficoltà di concentrazione;

9 – Pensieri cupi (fino a pensieri di morte o di suicidio).

È in funzione del numero di criteri presenti, oltre ai cinque richiesti, e delle ripercussioni sulla vita familiare, sociale e professionale, che viene definito il grado di depressione (leggera, media o grave). Secondo i dati comunicati dal laboratorio Arkopharma, più del 15% della popolazione francese sarebbe interessata da manifestazioni leggere e transitorie. Le donne sarebbero due volte più colpite degli uomini.

Attenzione alle controindicazioni

Anche se si tratta di fitoterapia, l’iperico equivale a un farmaco. Possiede quindi delle controindicazioni e una posologia precisa, pertanto è riservato alle persone adulte.Inoltre, non deve essere assunto per più di 15 giorni consecutivi senza il parere del medico.

Infine, bisogna ricordare che sono possibili interazioni con altri farmaci.Ecco perché è formalmente controindicato o sconsigliato associarlo con:

• I farmaci anti-vitamina K;

• La ciclosporina;

• Gli antiretrovirali inibitori della proteasi;

• Gli antiretrovirali inibitori non nucleosidici della transcriptasi inversa;

• La digossina;

• La teofillina;

• La carbamazepina;

• La fenitoina;

• I contracettivi orali;

• Gli antidepressivi inibitori della ricattura della serotonina;

• Gli antiemicranici della famiglia dei triptani.

Alcuni studi evidenziano inoltre un potenziale effetto fotosensibilizzante dell’iperico: sarebbe pertanto preferibile evitare la luce del sole durante il trattamento, il che si opporrebbe al trattamento della depressione stagionale…

Niente automedicazione!

Anche se l’iperico sembra essere una buona soluzione per la cura della depressione moderata, non si dispone ancora di informazioni circa i suoi effetti a lungo termine, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione delle ricadute. Sappi che l’iperico è già in venditain farmacia (non è mutuabile) sotto forma di pillole o compresse. Se decidi di farvi ricorso, evita l’automedicazione e fatti seguire da un medico. Egli saprà sostenerti, in modo che la tua depressione diventi solo un ricordo!

Alain Sousa

 

Fonti:

JGeriatrPsychiatryNeurol. Ottobre 1994, Suppl. 1: pp. 9-11.

Pharmacopsychiatry. Maggio 2001; vol. 34: pp. 96-103.

Psychopharmacology (Berl). Novembre 2002; vol. 164: pp.301-308.

Am J Psychiatry. Agosto 2002; vol. 159: pp. 1361-1366.

JAMA. Aprile 2002; vol. 287:pp. 1807-1814.

BMJ. Dicembre 1999; vol. 319: pp. 1534-1538.

ClinTher. Aprile 2000; vol. 22:pp. 411-419.

AdvTher. Gennaio-Febbraio 2002; vol. 19:pp. 43-52.

Commenta
08/10/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Psicologia

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?