Home  
  
  
    La depressione fa ingrassare
Cerca

La depressione e le donne
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La depressione fa ingrassare le donne

Sovrappeso, momenti di tristezza, obesità, depressione... Pensieri cupi e chili superflui invadono la società moderna. Uno studio francese chiarisce ora i legami tra questi due flagelli. Secondo i risultati, la depressione fa ingrassare le donne… ma non gli uomini!

La depressione fa ingrassare
© Getty Images

A San Paolo, il congresso mondiale sull’obesità riunisce ogni anno esperti di questa malattia da tutto il mondo. Quest’anno la ricerca francese è stata protagonista, grazie in particolare a“FleurbaixLaventie Ville santé”, uno studio di sanità pubblica davvero eccezionale.

Un laboratorio a cielo aperto

Per oltre10 anni gli abitanti di due città del nord della Francia - Fleurbaix e Laventie – hanno partecipato a uno studio di sanità pubblica che ha visto collaborare medici, ricercatori, persone selezionate e insegnanti.In questa regione in cui sovrappeso e obesità sono particolarmente diffusi, 6.666 abitanti in totale hanno partecipato al progetto diviso in tre fasi:

• Valutazione dell’informazione nutrizionale nelle scuole nella modifica delle abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie (1992-1997);

• Comprensionedei fattori che influiscono sull’aumento del peso (1998-2002);

• Studiodell’impatto degli interventi ambientali al fine di valutare azioni di prevenzione e cura dell’obesità nella popolazione (2002-2006).

Nell’ambito di “FleurbaixLaventie Ville Santé II”, l’analisi di tutti i fattori che influenzano l’aumento del peso ha riguardato i comportamenti alimentari, l’attività fisica, i fattori biologici, ormonali e genetici, sia a livello individuale che a livello familiare. Sono stati esaminati anche fattori meno evidenti come la depressione.

Le donne hanno un grande peso sul cuore… e sui fianchi

Quali sono i legami tra depressione e obesità? Numerosi studi hanno indagato sulla materiasenza ottenere risultati davvero significativi. Al massimo si è osservato che le persone che soffrono di obesità sono spesso depresse.Ma è come chiedersi se è nato prima l’uovo o la gallina.I pensieri cupi possono essere sia la causa che la conseguenza della loro obesità. Sgranocchiare senza contare le calorie, per esempio, può rappresentare una risposta calmante di fronte a un’ansia, una depressione o uno stress.

Partendo dai numerosi dati dello studio“FleurbaixLaventie Ville Santé”, sono stati esaminati i rapporti tra sovrappeso e depressione1. Il sovrappeso o l’obesità sono stati valutati in termini di girovita e di Indice di Massa Corporea(IMC = Peso/Altezza2).

243 uomini e 291 donne di età compresa tra i 30 e i 67 anni hanno risposto a un questionario che consentiva di calcolare uno score di depressione. Vera e propria scala per valutare la depressione2, questo punteggio può andare da 0 (nessuna depressione) a 60 (molto depresso). Secondo questo test, le vittime di depressione reale diagnosticata dal medico hanno avuto un punteggio superiore o uguale a17 per gli uomini, e a 23 per le donne.

Risultati: un quarto delle donne in sovrappeso o obese è depresso, contro soltanto il 14% delle donne di peso normale. Del resto, il punteggio di depressione aumenta in funzione dell’IMC e del girovita.Negli uomini, invece, le persone in sovrappeso o obese non sono più depresse delle altre: 16% contro 19%, e il girovita è correlato negativamente allo score di depressione.

Uomini-donne, nessuna parità sulla bilancia

Per comprendere meglio questa disuguaglianza tra uomini e donne, i ricercatori hanno preso in esame altre caratteristiche dei partecipanti che avevano ottenuto punteggi di depressione più alti.Così sono state avanzate varie ipotesi:

• Gli uomini depressi tendono a fumare di più.Oltre ad avere proprietà “spezzafame”, la nicotina aumenta il dispendio energetico di base dell’organismo. Questa“cattiva abitudine” potrebbe quindi spiegare un aumento di peso minimo per loro, anche se hanno un livello di studi meno elevato.Ricordiamo che, generalmente, il livello di istruzione sembra essere importante3: le persone che hanno continuato gli studi superiori oltre il terzo ciclo corrono tre volte di meno il rischio di sviluppare un’obesità rispetto a coloro che non sono andati oltre la scuola media;

• Psicologicamente le donne obese soffrono di più delle conseguenze dell’eccesso di peso e hanno dunque più motivi per essere depresse.In genere hanno un livello di studi più basso. I ricercatori precisano anche che la depressione è particolarmente presente nelle donne la cui obesità è associata ad altre malattie, o in quelle che incontrano maggiori difficoltà nella vita a causa di un livello sociale più debole.

• Questi risultati sembrano perciò supportare l’ipotesi dell’uomo “bon vivant”, gioviale e corpulento. Che i chili di troppo rendano gli uomini più ottimisti? Ebbene, questa idea è stata di recente messa in discussione da uno studio americano4. Sono stati presi in esame diversi indicatori della salute mentale (gioia, sanità mentale percepita, ecc.) su 1739 pensionati della contea di Alameda. Risultati: gli uomini più robusti non sono necessariamente i più ottimisti.

David Bême

1 - Associationbetweenobesity and depressive symptoms in general population M. Coeuret-Pellicer, M.A. Charles, J.M. Borys, A. Basdevant and the FLVS Studygroup;Inserm U258, Villejuif; Association FLVS, Lille; and Hotel-Dieu, Paris, France

2 – questionario realizzato dal Center for epidemiologicstudiesdepression scale (CES-D scale)

3 - Obépi 2000, studio condotto congiuntamente dall’Institutnational de la recherchemédicale et de la santé (Inserm), dall’Institut Roche de l’obésité et dalla Sofres

4 - Annals of Behavioral Medicine, vol.24, n°3, pp. 169-180

Commenta
19/09/2012
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?