Home  
  
  
    Perché sono depresso?
Cerca

Tipi di depressione
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Perché sono depresso?

Perché una persona è depressa mentre un’altra confrontata a eventi simili ne è risparmiata? È possibile identificare chiaramente la causa di una depressione? Non esiste una causa ben precisa,ma, la maggior parte delle volte, all’origine di questa malattia vi è una combinazione di vari fattori.

Perché sono depresso?
© Getty Images

Uomini e donne non sono uguali di fronte alla depressione. Nel corso della loro vita le donne hanno più del doppio delle possibilità di doverci fare i conti. Questa malattia colpisce in media un uomo su dieci ma per le donne il rapporto è di uno a cinque.Inoltre, la depressione può presentarsi varie volte nel corso di una vita.

Anche se la depressione è più frequente tra i giovani adulti (sette depressi su dieci hanno meno di 45 anni), essa non risparmia né i bambini, né le persone anziane. Se il tuo bambino è triste, perde l’appetito o prende spesso brutti voti a scuola, è importante consultare un pediatra o un pedopsichiatra per conoscere l’origine di questi problemi.Analogamente, nelle persone anziane, un’ingiustificata ostilità può non essere necessariamente una bizzarria dell’età ma il sintomo di una depressione.

Le ricerche hanno inoltre dimostrato che la depressione potrebbe essere dovuta a uno squilibrio chimico del cervello, in particolare a uncalo della produzione di certi neurotrasmettitori (serotonina, dopamina...).

I fattori biologici

Sebbene le cause effettive delle depressioni non siano ancora state completamente chiarite, esistono oggi molti indici che consentono di affermare che sono coinvolti alcuni meccanismi cerebrali. Alcuni sintomi come la perdita del sonno o, al contrario, un sonno eccessivo, la difficoltà di concentrazione, o la persistenza di pensieri cupi, potrebbero trovare una spiegazione biochimica: l’insufficienza di certi neurotrasmettitori potrebbe essere all’origine di tali fenomeni.

Allo scopo di comprendere il ruolo degli antidepressivi, è importante tornare sui meccanismi classici della corteccia cerebrale.Il cervello costituisce il centro di controllo di tutto il corpo ed è anche responsabile delle nostre emozioni, della nostra memoria e del nostro intelletto. Nel cervello le informazioni circolano sotto forma di messaggi“elettrici”, chiamati influssi nervosi. Dai dentriti queste si diramano verso il corpo cellulare dove vengono trattate per poi navigareattraverso l’assonefino alle sinapsi.

Connessione tra due neuroni

Le sinapsi costituiscono le zone di scambio delle informazioni tra i neuroni. A questo livello, l’informazione viene scambiata sotto forma di messaggi chimici. Vengono secretate alcune sostanze chimiche chiamate neurotrasmettitori equeste poi si legano a recettori specifici.

Funzionamento normale della sinapsi

A questo livello, un passaggio mal riuscito dell’informazione o uno squilibrio in alcuni neurotrasmettitori può essere, in parte, responsabile delle depressioni.Pertanto i ricercatori hanno potuto mettere a punto alcuni farmaci che consentono di modulare le concentrazioni dei neurotrasmettitori.

I fattori ereditari o genetici

Le persone con parenti stretti che hanno sofferto di depressione sono più soggette a diventarne anche loro vittime. Anche se numerose ricerche hanno tentato di identificare un gene della depressione, l’ipotesi più plausibile oggi è che i geni che possono avere un’influenza sull’insorgenza della depressione sono vari.

Il consumo di alcol e droghe

Il consumo di alcol o droghe associato a farmaci può avere interazioni che favoriscono le depressioni. Ma un’eccessiva assunzione di alcol o la tossicodipendenza possono essere un tentativo di mascherare uno stato depressivo. Perciò la domanda da porsi è: è l’assunzione di queste droghe all’origine della depressione o ne è una conseguenza?

I fattori ambientali e familiari

Sono numerosi gli studi, in contraddizione tra loro, che tentano di determinare in quale misurai fattori psicosociali possono generare una depressione. L’importanza del sostegno familiare può proteggere dallo stress. L’infedeltà del partner, una separazione, la perdita del proprio compagno possono costituire fattori aggravanti. Secondo altri studi, eventi traumatici come la perdita precoce dei genitori,conflitti familiari e professionali o una grave malattiapossono essere all’origine della depressione. Altre ricerche invece non riconoscono questi legami.

Le cause della depressione, pertanto, restano perlopiù solo ipotizzate. Non è possibile identificare una causa precisa, ma la teoria prevalente al momento è che questa malattia sia il risultato di molteplici fattori ambientali, biochimici, ereditari e psicosociali. In ogni caso, gli antidepressivi, da soli o associati a una psicoterapia, permettono di disporre di un arsenale terapeutico in grado di curare quasi il 90% dei malati. Di certo, più rapidamente si interviene, più il trattamento risulterà efficace.

David Bême

Commenta
24/09/2012
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?