Home  
  
  
    Riconoscere la schizofrenia
Cerca

La schizofrenia
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Come riconoscere la schizofrenia

Come numerosi disturbi mentali, la schizofrenia è una malattia difficile da identificare. Spesso sta alla cerchia di familiari e amici riconoscere il disturbo e parlarne. Ma sono tanti i preconcetti che circolano sui segni e le manifestazioni di questo problema. Doctissimo fa il punto sui sintomi d'una malattia molto studiata ma ancora poco conosciuta.

Riconoscere la schizofrenia
© Getty Images

I sintomi della schizofrenia

La schizofrenia è un disturbo che riguarda l'organizzazione del pensiero. Le sue manifestazioni sono molto diverse. I principali sintomi sono:

 Disturbi del pensiero: I pensieri sono disorganizzati, incoerenti, inadeguati, accelerati o rallentati… Il malato non giunge a gerarchizzare le informazioni e sintetizzare ciò che intende dire.

 Deliri: Le idee deliranti sono il fatto che la persona crede cose false. Questo può investire aspetti diversi: credere di essere la reincarnazione di una persona famosa, di parlare con gli extraterrestri, di essere vittima di un complotto… È estremamente difficile convincere lo schizofrenico che le sue idee sono false.

 Allucinazioni: Esistono principalmente allucinazioni auditive (udire voci o suoni inesistenti), presenti in 2/3 dei pazienti. Ma si possono verificare anche false percezioni a livello sensoriale (impressione di essere toccato quando non c’è nessuno, ad esempio), visivo, olfattivo o gustativo.

 Emozioni negative: Si riscontra spesso una perdita di interesse, un mancanza di volontà, un’assenza di motivazione… Il malato si rinchiude in se stesso. Può anche provare emozioni che sopraggiungono in modo inappropriato (ridere senza alcun motivo o durante un evento drammatico ad esempio).

 Disturbi del comportamento: Il malato può anche avere momenti di agitazione acuta o, al contrario, stati di stupore. Può avere atteggiamenti o movimenti spesso esagerati. In caso di crisi acute, possono sopraggiungere aggressioni minori e azioni violente, ma restano rare. Possono inoltre verificarsi automutilazioni, ed esiste il rischio di crisi suicide.

Non tutti i malati esibiscono tutti questi sintomi e l'intensità varia secondo le persone. È per questo d’altronde che si parla di schizofrenie al plurale.

Tante idee false

Sulla schizofrenia circolano tanti luoghi comuni. Così, spesso si crede che i malati soffrano tutti di uno sdoppiamento della personalità. In realtà, generalmente non è così. Spesso si pensa anche che lo schizofrenico sia violento e possa diventare pericoloso per la sua cerchia di familiari e amici. In realtà i problemi di aggressività sopraggiungono raramente, e unicamente durante le crisi acute. Inoltre, è importante non dimenticare che la schizofrenia resta una malattia, e in quanto tale, richiede una cura medica: la sola volontà del paziente o un suo cambiamento di ambiente non saranno sufficienti a risolvere i disturbi.

Alain Sousa

Commenta
22/08/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?