Home  
  
  
    La disnomia: cos'è?
Cerca

Sindromi psicologiche
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La disnomia

La disnomia è l'incapacità di una persona di ricordare certe parole, anche se comuni nell'uso quotidiano. Nella maggior parte dei casi si tratta di un disturbo cronico, che si associa ad altri disturbi dell'apprendimento come la dislessia. La disnomia può però essere la conseguenza di un problema di tipo fisico come un trauma cranico o il sintomo di un problema medico più grave.

La disnomia: cos'è?
© Getty Images

Cos'è la disnomia

Sarà capitato anche a te, in un momento di stress, di non riuscire proprio a dire il nome di quell'oggetto anche se ce l'avevi sulla punta della lingua.

Può trattarsi del doorway effect, ma quando questi episodi diventano più frequenti nell'arco della giornata si parla però di disnomia.

La disnomia è la difficoltà di richiamare alla memoria una certa parola in un determinato momento. Può interessare i termini complicati come le parole di uso comune, fino ai nomi ed i cognomi di chi ci sta intorno.

Le cause della disnomia

Secondo gli studi medici, la disnomia deriva da un malfunzionamento della parte del cervello che usiamo di più: il lobo temporale.

La disnomia può avere diverse cause, molto diverse tra loro: la più frequente, soprattutto tra i bambini in età scolare, è la presenza di un disturbo dell'apprendimento che influisce anche sulle capacità di linguaggio. Una seconda causa è di tipo cerebrale ed avviene quando il cervello viene sottoposto ad una forma di trauma fisico. Una botta in testa, una intossicazione da alcool, la glicemia troppo alta, ma anche il freddo eccessivo (ipotermia) possono provocare una condizione, più o meno temporanea, di disnomia.

Disnomia e disturbi dell'apprendimento

Nei bambini, ma anche in tanti adulti a cui non è mai stata diagnosticata, la disnomia è spesso una conseguenza diretta di un disturbo dell'apprendimento.

Il più frequente è la dislessia, la difficoltà cioè di leggere e scrivere in maniera corretta.

La disnomia è stata riconosciuta come un disturbo dell'apprendimento vero e proprio soltanto negli ultimi anni , grazie allo sviluppo degli screening e delle terapie per la dislessia e la disgrafia.

Come si cura la disnomia

Come per la dislessia, guarire completamente dalla disnomia non è possibile perché il cervello avrà sempre difficoltà nel ricordare i nomi.

Attraverso la terapia comportamentale e tutta una serie di esercizi specifici per la disnomia è però possibile imparare a gestirla ed a superare le difficoltà nel linguaggio.

Le terapie per la disnomia

Sono diversi gli esercizi previsti per aiutare a richiamare alla memoria le parole che sfuggono. Le principali terapie sono di tipo mnemonico e di associazione di parole. Attraverso del semplici giochi, soprattutto quelli in cui occorre trovare i sinonimi di diverse parole, è possibile stimolare il cervello a ricordare i singoli termini. Le prime volte sarà molto difficile e saranno necessari diversi minuti prima di riuscire a trovare una singola parola ma, con il tempo e l'esercizio, la soluzione arriverà in maniera sempre più rapida.

Disnomia ed alimentazione

Una interessante chiave per la cura della Disnomia arriva da un medico americano, la dottoressa Mary Boyle. Dopo anni passati a prendersi cura dei pazienti affetti da problemi di memoria (disnomia ma anche anomia), questo medico dell'Ospedale di New York ha scoperto che anche l'alimentazione può aiutare l'attività di memoria del cervello.

In particolare, la frutta ricca di vitamine C e B12 sembra essere indicata per sviluppare una maggiore capacità cerebrale nel richiamare alla memoria cose e nomi.

Disnomia ed Alzheimer

Quando la disnomia compare all'improvviso in età adulta, senza che vi siano verificati particolari traumi fisici o mentali, può trattarsi del primo sintomo della presenza del morbo di Alzheimer.

Se non sono mai stati riscontrati in passato problemi di memoria è opportuno rivolgersi al proprio medico per effettuare tutte le analisi del caso.

La disnomia è un disturbo dell'apprendimento ancora poco conosciuto e scarsamente diagnosticato. Oggi, grazie ai progetti didattici sui disturbi dell'apprendimento, è possibile intervenire sin da subito per aiutare il cervello a trovare nuovi meccanismi di memoria per contrastare la disnomia, applicabili sia nei bambini che negli adulti. Se pensi di soffrire di disnomia prova a parlarne con il tuo medico ed a prendere appuntamento con un logopedista per effettuare un test diagnostico.

 

Fonti:

www.educamais.com

Commenta
06/10/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?