Home  
  
  
    I bimbi devono credere a Babbo Natale?
Cerca

Feste di fine anno
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Babbo Natale: lasciare che i bambini ci credano?

Tutti noi abbiamo creduto a Babbo Natale. Ma da dove viene questo tizio paffuto vestito di rosso? Perché mentire in questo modo ai bambini mentre insegniamo loro a essere sempre sinceri? A che età confessare la verità su Babbo Natale?

I bimbi devono credere a Babbo Natale?
© Getty Images

In tutte le culture del mondo occidentale, è sempre esistito un personaggio che elargisce doni: ad esempio in Francia per molto tempo i bambini hanno festeggiato il Père Chemineau, già rappresentato con la gerla sulle spalle e con indosso un saio scuro. L'attuale Babbo Natale, che la tradizione vuole con guance paffute, la barba, il viso rubicondo e sorridente, ci è giunto direttamente dagli Stati Uniti nel dopoguerra, con il Piano Marshall. Tuttavia, non dobbiamo scordare che si tratta di un rito pagano guardato con ostilità dalla chiesa cattolica: i praticanti "intransigenti", infatti, non lo festeggiano (celebrano soltanto la nascita di Gesù bambino) e, negli anni '50, il vescovo di Digione arrivò addirittura a bruciare sulla pubblica piazza della città l'effigie di Babbo Natale!

Dobbiamo proprio dire la verità ai nostri figli?

Niente affatto. I bambini vivono in un mondo per metà reale e per metà immaginario, popolato di fate, draghi, cani parlanti, fantasmi ed eroi dei fumetti… Poiché il loro bisogno di meraviglioso rappresenta una sorta di protezione contro la dura realtà del mondo esterno, non esiste alcuna ragione per voler a tutti i costi forzarli a mantenere "i piedi per terra" quando sono piccoli! Mentite forse ai vostri figli quando leggete loro una favola o quando inserite un DVD con i loro cartoni animati preferiti?

Ma è difficile da accettare!

Certo, pensate sia difficile credere alla storia di Babbo Natale! Eppure, per i nostri bambini credere che esista un tipo paffuto che vive in cielo, si sposta a bordo di una slitta trainata da renne e che in una sola notte porta regali a tutti i bambini del mondo non ha nulla di straordinario! Niente di diverso dalle campane che seminano uova di cioccolato o dai topolini che scambiano un dente da latte con una moneta lasciata sotto il cuscino! Al contrario, se il bambino si stupisce nel vedere ben cinque Babbo Natale uno di seguito all'altro nelle vie dello shopping cittadino, spiegategli che sono persone travestite da Babbo Natale e che, quello vero, arriva solo quando i bambini sono a letto addormentati…

Quando dirgli la verità?

È possibile prolungare la magia finché il bambino "sta al gioco". Esistono tre possibili situazioni che potreste trovarvi ad affrontare:

•    Il bambino è piccolo e un adulto gli ha detto che Babbo Natale non esiste: se lo vedete triste, rassicuratelo, dicendogli che alcune persone non ci credono, ma che voi ci credete e che rispettate questa tradizione. Una simile spiegazione ha di che soddisfare il bambino.
•    È più grandicello e inizia a fare domande: quando inizia a rivolgervi domande a riguardo, significa che da parte sua esistono già dei grossi dubbi… per non dire che ha già capito tutto! Se ha circa 5 - 6 anni, l'ètà in cui solitamente il bambino inizia a non credere più a Babbo Natale, forse ci rimarrà un po' male del fatto che gli confermiate i suoi timori… ma meglio questa piccola delusione che sentirsi stupido perché più nessuno dei suoi compagni di classe ci crede!
•    Continua a crederci anche dopo i sei anni: il bambino rischia di essere preso in giro da un compagno di classe. Il rischio è che se la prenda con voi. E anche se ha ancora voglia di credere a Babbo Natale, in fondo sa che neppure voi ci credete più… Per lo meno, iniziate a parlarne al condizionale e a spiegargli che non è possibile che le persone volino in cielo a bordo di una slitta, si calino da un camino e così via.

In ogni caso, quando gli direte la verità sull'esistenza di Babbo Natale, cogliete sempre l'occasione per inserire questa rivelazione in un contesto di storia familiare. Ad esempio, ditegli che anche voi da bambini ci avete creduto per tanto tempo, che trovavate tutto questo meraviglioso e che avete desiderato ripetere questa magia anche con lui. Fategli anche capire che non deve dire nulla ai fratelli e alle sorelle più piccoli, ma che deve stare al gioco, proprio come lo avete fatto voi con lui e come lui stesso farà a sua volta con i suoi figli. Gli piacerà conoscere la verità su Babbo Natale ed essere il depositario di un grande segreto…

Isabelle Delaleu

Commenta
13/12/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?