Home  
  
  
    Amarsi per sempre? È possibile!
Cerca

Amore
Amore
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Amarsi per sempre? È possibile!

Un tempo bastava essere innamorati! Oggi le regole sono cambiate, di pari passo con i rapporti tra uomini e donne. Al di là dell'amore che ci lega, è necessario rispettare dei percorsi ben definiti all'interno della relazione, se si vuole che duri almeno un po'…

Amarsi per sempre? È possibile!
© Getty Images

Innamorarsi è già una prima tappa. Il passo successivo è trasformare l'incontro in una storia d'amore duratura: in effetti, per quanto sembri che la nostra massima aspirazione sia la vita di coppia e l'intimità condivisa con l'altro, bisogna constatare che non è così semplice. Allora, per entrare nel novero delle coppie che rimangono unite e inossidabili, destinate a durare nel tempo, è sufficiente conoscere qualche astuzia!

Sviluppare l'autostima

Ama te stesso se vuoi essere amato! Aspettarsi che la coppia soddisfi tutti i nostri bisogni, e in particolare quelli affettivi, è una tentazione forte. Risultato: spesso si domanda all'altro ciò che non siamo in grado di dare. "L'amore di sé, uno dei pilastri di una relazione duratura, si basa sulla capacità di guardare a se stessi in modo positivo e amorevole", afferma Sophie Guedj, psicoterapeuta e animatrice di laboratori sulla "coppia interiore". Si tratta di un modo efficace per smettere di domandare all'altro continue prove d'amore che ci lasciano immancabilmente insoddisfatti.

Invece di continuare a lamentarci della supposta mancanza di attenzioni del nostro partner, domandiamoci piuttosto: sappiamo davvero amare noi stessi? Ascoltiamo veramente i nostri bisogni più profondi e ci preoccupiamo di soddisfarli? Se prendiamo coscienza del fatto che molto dipende da noi rispetto al modo in cui veniamo amati, la smetteremo di commiserarci e riusciremo a condurre una relazione basata più sul senso di responsabilità che sul vittimismo.

Punta sull'intimità!

Non dimentichiamo che il concetto di coppia implica l'idea di condivisione, un'idea che va ben oltre un tetto sotto cui vivere, le bollette da pagare o la vita sessuale. "L'intimità, altro pilastro di una relazione duratura, consente di condividere la parte più profonda di sé per potersi abbandonare in totale fiducia", spiega Sophie Guédy. Abbiamo imparato a nasconderci dietro barriere e maschere per non mostrare le nostre debolezze e la nostra vera identità… da qui deriva il senso di solitudine che a volte si avverte nella coppia. Per imparare ad abbassare la guardia e raggiungere una vera intimità è necessario conquistarla prima di tutto con se stessi. Chi siamo noi veramente e cosa abbiamo da offrire per costruire una vita in comune?

Conoscerti meglio ti permetterà di entrare più facilmente in contatto con i tuoi bisogni e desideri: è un passo importante per smettere di compiacere l'altro perché ci ami, evitando così grandi frustrazioni e la tentazione di fuggire a gambe levate per poi tornare indietro e ritrovarsi… Prenditi quindi del tempo per conoscerti meglio, per capire cosa ti piace veramente: quale tipo di musica, quale scrittore, se ami ballare o cucinare… Parti alla scoperta di te stesso/a, come faresti con qualcuno che ti interessa…

Gioca la carta dell'autonomia

Più possessive di natura, le donne identificano spesso la propria felicità con la sicurezza, con i legami e il possesso. Al contrario l'uomo fa presto a sentirsi intrappolato e immancabilmente minacciato nella propria identità. Un modello che perdura, con un'eccezione: all'eterno desiderio degli uomini di non avere a che fare con una rompiscatole, si è aggiunto il bisogno delle donne di sentirsi libere pur all'interno di una relazione. Un fenomeno che senza dubbio trova conferma nella tendenza a non abitare sotto lo stesso tetto.

Senza viverla come una forzatura, si può già cominciare col rinunciare a fare tutto insieme, senza che uno dei due partner si senta tradito o abbandonato. Decidi per esempio di fare qualcosa per te stesso/a: è una delle chiavi dell'autonomia, senza sensi di colpa né ricerca a tutti i costi dell'approvazione della tua dolce metà! Un film asiatico, un abito rosso scarlatto, un ballo al chiaro di luna, le serie Desperate Housewives o una partita di calcio allo stadio, innaffiata di birra. Fai una lista dei tuoi hobby, che il tuo/la tua partner non deve per forza condividere.

Sii più indulgente!

"Cerca di liberarti della tendenza a svalutare il partner", consiglia Sophie Guedj. Generazione di insoddisfatti, non facciamo altro che proiettare le nostre frustrazioni e le nostre esigenze sull'altro: lui ha poca cultura, lei è troppo ambiziosa, lui si mangia le unghie, lei è distante… Beh, così non va! Non appena senti che stai per lanciarti in una svalutazione del partner, metti il piede sul freno e fai ancora una volta la lista delle qualità di chi vive al tuo fianco... invece di ripetere da mattina a sera la litania dei rimproveri, fagli/falle una bella iniezione di pensieri teneri in grado di trasmettergli/le fiducia… e pensa a quanto sei fortunato/a a svegliarti ogni mattina al suo fianco.

Una dieta a base di… romanticismo!

La vera sfida di una relazione è riuscire a passare dall'innamoramento all'amore, un sentimento che va coltivato come un fiore che richiede cure giornaliere… Altrimenti il rischio è quello di inaridirsi e cercare nuovi brividi di passione, ma altrove! Una scelta astuta: manifestate i vostri desideri di romanticismo e innamoratevi di nuovo ogni giorno. Nutritevi abbondantemente di film, romanzi e musica (come lo splendido Inno all'amore di Edith Piaf… ) traboccanti di buoni sentimenti che vanno dritti al cuore…

In poche parole, alimentatevi di tutto ciò che parla d'amore e con un lieto fine. Scegliete anche di lasciare più spazio alla fantasia nella vostra relazione: è il modo migliore per tenere viva la fiamma e non lasciarsi catturare dalla routine.

Catherine Maillard

Commenta
15/11/2011

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?