Home  
  
  
    Chi si somiglia, si piglia?
Cerca

Amore
Amore
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Bisogna somigliarsi per amarsi?

"Chi si somiglia si piglia", recita un vecchio adagio. Quante volte lo hai sentito ripetere? Sicuramente, un'infinità. La somiglianza sembrerebbe quindi una garanzia di durata della coppia. Ma che posto occupa l'amore in tutto questo? "Simili o diversi, tutto è possibile in una relazione di coppia", risponde Florence Escaravage, creatrice del sito Web di incontri Love Intelligence.

Chi si somiglia, si piglia?
© Getty Images

Che cosa si intende davvero per somiglianza? "Nella maggior parte dei casi, si tratta di avere interessi in comune, condividere tratti del carattere", spiega la coach. Ti piace il jazz, e anche a lui, ami l'Australia, ti piace correre, guardare le serie TV, sei piuttosto mattiniera... e anche lui. Immancabilmente, ti sei fatta venire la pazza idea che il vostro incontro fosse già scritto nelle stelle, tali e tante sono le cose che avete in comune. È lui, sei tu. Forse vi capita anche di pensare la stessa cosa nello stesso momento. È ovvio: vi capite senza parlare. Insomma, una relazione da sogno…

Somiglianza fa rima con sicurezza

Sul piano relazionale, ciascuno di noi è naturalmente attratto dalle persone che condividono valori comuni. "In questo caso, il motore dell'incontro è più la molla della sicurezza che la curiosità", continua Florence Escaravage. È evidente! Peraltro, i siti Web di incontri non si basano forse sulle affinità? Servono quindi dei criteri di vicinanza come elemento di contatto. Mettersi insieme quando ci si somiglia presuppone molti vantaggi. "Le coppie che si costruiscono su somiglianze sono in genere meno conflittuali rispetto alle altre", dichiara la coach. I punti di attrito, infatti, sono meno frequenti per il semplice motivo che le due parti "funzionano" nella stessa modalità. Quindi, si evitano molti contrasti… La somiglianza consente allora di proiettarsi più facilmente nella dimensione di coppia, laddove prima ciascuno pensava unicamente a se stesso. Tuttavia, con l'andare del tempo, il pericolo può risiedere in una certa tiepidezza dei sentimenti e delle emozioni. La fiamma della passione, necessaria per alimentare il rapporto di coppia, può improvvisamente spegnersi.

La differenza nella coppia: scegliere di rischiare

Il famoso sociologo ed esperto dell'amore Francesco Alberoni è categorico quando parla della natura dell'esperienza amorosa, che si può riassumere come una scossa tellurica, una straordinaria opportunità di aprirsi all'ignoto, profondamente trasformatrice. Non sarebbe possibile viverla se non uscendo dalla nostra zona di comfort e dal nostro egocentrismo. Difficile, quindi, immaginare che lo shock sentimentale, come lo definisce il sociologo, possa accontentarsi della somiglianza. Qual è il parere della nostra esperta a riguardo? "Le relazioni sentimentali di cui parla il sociologo sono prevalenti. L'amore nasce dalla differenza, che ci consente di scoprire altri lati della nostra personalità", risponde Florence Escaravage. La vera sfida della coppia consiste dunque nella capacità di passare dalla fase di fascino/attrazione, che caratterizza gli esordi della relazione, alla complementarità, ovvero all'accettazione nel tempo della differenza che esiste tra i due partner. La coppia sarà in grado di raggiungere questo obiettivo solo superando la fase di contrapposizione, da cui non può sottrarsi.

Ecco allora che con il passare del tempo la relazione si armonizza e capita addirittura che i due partner finiscano per crearsi insieme nuovi interessi. Conosciamo tutti coppie di "lungo corso", che hanno sviluppato un affetto comune verso un paese, un tipo di cucina o un'attività che non esisteva al momento del loro incontro. Con la complicità viene a crearsi un'omeostasi della coppia e nascono le somiglianze.

La differenza: un fattore evolutivo in amore

All'apparenza, l'impresa può sembrare più ardua di quanto realmente lo sia, e questo perché i due partner devono mettersi in cammino verso l'ignoto, ovvero verso l'altro, e imparare a conoscerne le differenze per lasciarsi trasformare dalla relazione sentimentale. Gli ostacoli e i contrasti possono talvolta sembrare insormontabili, come testimoniano le tante separazioni e i divorzi. "La relazione sentimentale che si costruisce sulla differenza richiede autentiche capacità di apertura, di adattamento e comprensione", aggiunge la coach dell'amore. Tessere la tela della complementarietà richiede un impegno quotidiano, di cui la comunicazione rimane un elemento chiave importante. Una buona notizia secondo la coach: "Premesso che l'evoluzione fa parte integrante di noi, la coppia, forse, è il nostro acceleratore di crescita più sicuro". Allora, non ci resta che dire di sì alla differenza in amore

Catherine Maillard

Fonti:
- Intervista a Florence Escaravage, creatrice del sito Web di incontri Love Intelligence.
- Trouver l'amour en 3 mois : une méthode, des étapes, et des résultats (Trovare l'amore in 3 mesi: metodo, fasi e risultati). Florence Escaravage. Ed. Marabout (in lingua francese)

Commenta
30/05/2016

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?