Home  
  
  
    Le 10 regole della convivenza perfetta
Cerca

Amore
Amore
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Le 10 regole della convivenza perfetta

Siete insieme da un po’ e siete molto innamorati: decidete di andare a vivere insieme, di condividere i vostri spazi perché non potete stare più un attimo l’uno senza l’altra. Arrivare impreparati a questa situazione potrebbe compromettere la stabilità della vostra coppia. Segui i consigli di Doctissimo per una convivenza perfetta!

Le 10 regole della convivenza perfetta
© Getty Images

N°1: Fate una prova generale di convivenza

Anche se state insieme da tempo, la convivenza è diversa dall’uscita con gli amici il sabato sera. Andare in vacanza insieme è un’ottima occasione per controllare il vostro tasso di sopportazione quotidiano. Stare a stretto contatto 24 ore su 24 vi può aiutare a capire davvero chi avete davanti e decidere se è il caso di andarci a vivere sotto lo stesso tetto oppure è meglio restarsene ognuno a casa sua ancora per un po’…

N°2: Quello che è mio non è tuo (e viceversa)

L’errore più comune che fanno le giovani coppie è quello di dividere tutto. Le finanze sono l’argomento che in assoluto è in grado di far litigare fidanzati, conviventi e coniugi da sempre. Questo accade sia quando gli stipendi sono molto diversi, sia quando non è stabilito dal principio come gestire la cassa comune. L’ideale sarebbe di partecipare secondo le proprie capacità e i propri mezzi a disposizione: utilizzate il sistema delle percentuali (decisamente più eque) per stabilire il contributo di ognuno alle spese, in modo da non trovarsi a recriminare bollette o conti dei ristoranti. Istituite un fondo comune in cui versare i soldi per le spese della casa. Eviterete molte grane.

N°3: Siete e dovete restare due persone distinte

Esistono coppie che fanno tutto, ma proprio tutto, insieme: fare la spesa, uscire, cucinare, andare alla posta, fare shopping e chi più ne ha più ne metta. A meno che non abbiate trovato il vostro alter ego dell’altro sesso (cosa che francamente dovrebbe farvi riflettere…) è impensabile che due persone abbiano gli stessi gusti in tutto. Se ciò accade è perché uno dei due si lascia influenzare dall’altro, che prende il sopravvento sulla gestione del tempo di entrambi. Mantenete vive le vostre abitudini e, anche se è vero che amare è andare verso l’altro, non vuol dire che dovete fare sempre quello che decide.

N°4: Mantenete i vostri spazi

A lui piace pescare, lei non lo accompagnerebbe nemmeno morta. Lui non si perde nemmeno una partita del campionato, lei neanche un episodio di Sex and the City. Cosa fare? Non esiste una sola risposta a questo quesito, bensì due. Una volta stabilito che si è in due a decidere, sarebbe il caso di trovare un compromesso, accettando di rivedere i gol più belli o quella scena tanto divertente di Carrie & Co. senza farla diventare un’abitudine. Se hai bisogno di passare una serata leggendo un libro o facendo zapping selvaggio, fallo. L’importante è ritrovarsi in uno spazio comune in cui raccontarsi e comunicare col partner. L’invadenza non è mai produttiva.

N°5: Mantenete un po’ di mistero

Tranquilli, niente di scandaloso o illecito, stiamo parlando di ben altro. Il mistero da salvaguardare è quello della propria intimità in… bagno!
Sì al condividere la doccia per risparmiare sulle bollette dell’acqua ma per quel riguarda i fluidi corporei è meglio chiudere la porta a chiave. Il rischio è di rompere quell’alone di “sexitudine” che avvolge l’altra persona e di non riuscire più a vederla con gli stessi occhi, attenzione!

N°6: Dividete responsabilità e piaceri

La divisione equa dei compiti è importante per trovare un equilibrio nella coppia e per evitare di sentirsi dire “Faccio sempre tutto io!”. Le donne si occupano molto della casa e gli uomini tendono ad adagiarsi su questo ma è fondamentale che anche loro diano un contributo nelle faccende domestiche. Avete un gatto? Lei può occuparsi di dargli da mangiare, mentre lui di pulirgli la lettiera. È negato nel bucato? Potrebbe dedicarsi alla stiratura, lei invece al carico/scarico delle lavatrici. Non sa dove si trova il bottone di accensione dell’aspirapolvere? Meglio che si occupi del giardino, cosa che tu non sapresti o potresti fare visto quello che spendi in manicure. L’idea di fare dei turni sembra ottima ma non funziona quasi mai: si arriva spesso a litigare sulle modalità di attuazione e si incorre in frasi del tipo “Lo faccio meglio io, lascia stare non fa niente, ci penso io”. Dividetevi semplicemente le cose da fare e risparmierete moltissimo tempo da dedicare ai vostri hobby, o all’altro.

N°7: Comprate due tubetti di dentifricio

Nessuno ha mai capito il perché ma è noto che il povero tubetto del dentifricio viene preso come pretesto per le più grandi litigate del secolo. Ci sono due correnti di pensiero a riguardo: chi lo preme al centro e chi lo preme dal fondo. In genere sono questi ultimi ad infuriarsi, inneggiando ad una totale mancanza di rispetto verso il partner che lascia che tutto il dentifricio vada a finire sul fondo. il motivo di tutto questo è ancora ignoto ma di sicuro il comportamento più adatto è quello di comprarne due. Decisamente più semplice che scornarsi inutilmente.

N°8: Siate ordinati

Che si tratti di uomini o donne, ognuno ha nella propria testa un ordine mentale che si rispecchia in quello fisico della casa in cui vive. I problemi sorgono quando si divide il proprio spazio, quando cioè l’altro è costretto a scavalcare panni e oggetti non identificati per raggiungere una zona della casa. Non è necessario essere maniaci dell’ordine per capire che lasciare almeno un sentiero per passare sarebbe carino nei confronti dell’altro, che apprezzerebbe il gesto di sicuro. La propria libertà finisce dove inizia quella dell’altro.

N°9: Non rinfacciatevi mai niente

Consiglio che vale anche per le coppie che non vivono insieme. Perdonare è divino e, se si ha intenzione di farlo, si deve andare fino in fondo. Inutile pensare di poter perdonare se non si riesce a mandare giù un tradimento o una litigata, è solo deleterio per entrambi. Ricordate che la differenza tra rinfacciare qualcosa e farla notare è molto, molto sottile e che le persone non cambiano così facilmente come qualcuno crede. Con il tempo si amplificano i difetti che già si hanno, attenzione quindi a valutare chi avete davanti.

N°10: Allontanate la routine

Più facile a dirsi che a farsi, tanto più che dipende da cosa si intende per routine. Le piccole tradizioni ed equilibri nel comportamento della coppia ne cementano la stabilità ma è altresì importante mettere un po’ di pepe nel rapporto per non rischiare di vedere l’altro con gli occhi di un amico. Siate originali e seguite l’istinto! Al posto della solita cena fuori ordinate una pizza gigante da mangiare con le mani magari sdraiati a terra in salotto: al diavolo macchie e bon ton, dalle situazioni così nascono sempre dei bei momenti da ricordare...  l’alternativa al classico cinema? Giratelo voi un film, divertendovi a imitare delle scene famose o i vostri amici.

Last but not least:

non pronunciate mai la parola “convivenza”. Fa più paura di quanto possiate immaginare e conferisce alla situazione un’aura di ansietà che scoraggerebbe chiunque. Dite piuttosto “viviamo insieme”, “condividiamo la nostra vita” oppure “abbiamo scelto di non vivere più separati”. Sembra banale ma può preservarvi dagli attacchi di panico!

Ricordate sempre: siete due entità separate e l’altro non deve per forza mandare giù tutti i vostri difetti “perché è innamorato/a”. Le uniche persone in grado di accettare tutto di voi sono le vostre madri, e non sempre tra l’altro. Tenete a mente che il venirsi incontro è indispensabile per mantenere in vita qualsiasi tipo di rapporto. Compromesso non è sinonimo di rinuncia ma di amore: ogni scelta dettata dal sentimento è un’opportunità di esprimere il bene che si prova per il partner. La convivenza può rivelarsi una prova generale per un eventuale matrimonio e sarebbe il caso di ponderarla con attenzione, senza però dilungarsi troppo nella riflessione. Un saggio una volta disse: “Se non fai mai niente non ti succede mai niente” quindi per sapere se lui o lei sono quelli giusti bisogna condividere con loro la propria vita. L’amore farà il resto. D’altronde se son rose, fioriranno!

Commenta
21/09/2011
Caricamento ...

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?