Home  
  
  
    La crisi del settimo anno
Cerca

Amore
Bisticci e litigi
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La crisi del settimo anno

Fra mito e realtà la “leggenda” della crisi del settimo anno spaventa molte coppie. Oggi, però, il temuto settimo anniversario rappresenta, per molte coppie, una meta irraggiungibile. Il motivo? Scopriamolo insieme!

La crisi del settimo anno
© Getty Images

L’amore è eterno... Finchè dura! Se state per festeggiare il vostro settimo anno di matrimonio, senza dubbio, qualcuno vi ricorderà che è, proprio, questo l’annus horribilis per mettere alla prova la vostra unione. In realtà, oggi, la celeberrima crisi del settimo anno costituisce un banco di prova, irraggiungibile, per molte coppie. Spesso, infatti, il punto di rottura arriva prima: al terzo anno!

Perché si chiama crisi del settimo anno?

In passato, in media, le problematiche che portavano una coppia alla separazione “esplodevano” in tutta la loro virulenza dopo, circa, sette anni di unione. In realtà, comunque, il numero sette rappresenta da secoli una cifra simbolicamente importante nella storia dell’umanità:

- I sette giorni della settimana;

- Le sette note musicali;

- I sette colori dell’arcobaleno;

- Le sette meraviglie del mondo;

- I sette re di Roma;

- I sette peccati capitali;

- I sette sacramenti;

- Le sette stelle che compongono la costellazione dell’Orsa Maggiore;

- I sette punti di energia del corpo umano;

- Le sette figlie di Atlante.

La lista è davvero infinita. Dalla scienza alla mitologia, dalla religione ai proverbi popolari, il numero sette, insomma, rappresenta un punto nodale per l’uomo.

Quali sono i segnali di una crisi?

I “campanelli di allarme” che annunciano una, imminente, crisi nella coppia sono molteplici. Riconoscerli, quando iniziano a suonare, consente ai partner di intervenire prima che la rottura diventi inevitabile.

Ragionare da “single”. Cominciare a pensare, a parlare, al singolare è, infatti, uno dei primi segnali di crisi di coppia.

Niente sesso. Astenersi dai rapporti sessuali è, senza dubbio, un chiaro sintomo di malessere. Spesso, inconsapevolmente, si attribuisce alla stanchezza o allo stress. In realtà, altrettanto spesso, invece rappresenta il rifiuto, da parte di uno dei due, di comunicare con l’altro.

Sensazione di fastidio. Qualsiasi cosa faccia o dica il partner provoca irritazione, stizza, avversione, insofferenza. In genere, poi, si tende a non segnalare all’altro questo tipo di malessere.

“Bombe intelligenti”. Secondo gli specialisti sono frasi o atteggiamenti mirati a ferire l’altro. Sono, senza dubbio, un chiaro segnale di sofferenza della coppia.

Se vi riconoscete in uno di questi segni premonitori, allora, è probabile che, dietro l’angolo, vi attenda una crisi di coppia. Ma, non disperate, perché non è MAI troppo tardi per cercare di salvare un rapporto.

Come superare una crisi di coppia?

La primissima regola per evitare la fine di un rapporto è: VOLERLO! Ma, soprattutto, volerlo in DUE!! Se esiste questo fondamentale presupposto è possibile recuperare una relazione in crisi.

Concentrarsi su un nuovo progetto in comune. Un semplice viaggio, una nuova casa, un corso di ballo... A voi la scelta! Per essere utile, però, deve prevedere un reale reciproco desiderio di collaborazione.

Riprendere la comunicazione. In parole povere: parlare, parlare, parlare! Il dialogo, lo scambio di emozioni, pensieri, timori, paure, è la base per superare le ostilità.

Chiedere aiuto. Genitori, fratelli, amici ma anche psicoterapeuti, sessuologi, parroci possono contribuire a superare un momento difficile. In questo caso, però, attenzione al rovescio della medaglia. Chiedere il sostegno di altre persone non deve essere, in nessun modo, una maniera per demandare la risoluzione dei problemi della coppia.

Niente fretta. La pazienza è la virtù dei forti. Ricordatelo! Recuperare la comunicazione verbale, infatti, non implica, nell’immediato, recuperare l’intimità. Il sesso non deve, mai, essere visto come un’imposizione. Superate le difficoltà anche la sfera intima riprenderà vita. E’ una certezza.

Insomma, che sia del settimo o del terzo anno, una crisi nella vita di una coppia può, senza dubbio, essere superata con successo. Non esistono ricette segrete ma un unico, fondamentale, ingrediente... L’amore!

Commenta
09/03/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?