Home  
  
  
    Sesso in ufficio
Cerca

Amore
Infedeltà
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Il sesso in ufficio, una nuova tendenza?

Praticato in forma del tutto clandestina, l'amore in ufficio non è nato ieri e continua a trovare sempre nuovi seguaci. Segretaria e capo, direttrice di produzione e assistente o tra colleghi... Gli incroci erotici si diversificano. Cerchiamo di decodificare le ragioni di una tendenza.

Sesso in ufficio
© Jupiter

Fino a oggi, l'adulterio in ufficio era un argomento tabù! Essere la favola del villaggio non è già piacevole di per sé, ma se aggiungiamo a questo il fatto che il proprio marito se la faccia con la segretaria, questa situazione diventa quasi insopportabile. Basta poco per chiedersi in che epoca viviamo! "Tuttavia, negli Stati Uniti, il fenomeno occupa le prime pagine dei giornali", sostiene lo psicoterapeuta Willy Pasini.

La colpa è del cervello rettile...

Assistente nella filiale di un grande gruppo, cedi al fascino del tuo direttore, mentre sei in coppia. "L'uomo al vertice delle gerarchie detiene le chiavi del potere e con esse alcuni dei nostri fantasmi", sostiene Willy Pasini.
Nell'immaginario erotico maschile e femminile, questa configurazione a piramide è sempre altamente afrodisiaca. Se la donna continua a mostrarsi turbata da un suo superiore al punto da affidargli il suo piacere, il responsabile è ancora e sempre il cervello rettile, sede degli istinti primari e delle funzioni vitali. "La ricerca del maschio dominante, dettata da questa parte del cervello, si è spostata alla sfera professionale", spiega Willy Pasini. A rischio di deluderne alcuni, il modello arcaico resta comunque sempre valido.
Tuttavia, in filigrana, compaiono nuove coppie nelle relazioni clandestine all'interno della stessa azienda: lo stagista e il suo Pigmalione in versione femminile. Lanciata all'assalto del mondo, "Lei" è riuscita a fare strada e occupa un posto elevato nella gerarchia aziendale, mentre lui noi. In compenso, lui possiede l'arma fatale della giovinezza. Più attratto da una regina che da una principessa, si guarderà bene di ricordarle che è lei spostata e madre di famiglia... Nulla di cui stupirsi in un'epoca in cui la competizione mette al primo posto il lavoro invece che l'amore.

Motivazione a geometria variabile

"La passione si incontra di rado, le infedeltà in ufficio sono spesso dovute a una forma di pigrizia", afferma Willy Pasini. Dopo avere messo da parte il
nostro lato arcaico, il terapeuta suggerisce di interessarsi alle vere motivazioni alla base della scelta di un partner sessuale in ufficio. Vale a dire che le funzioni "non sessuali" del sesso sono troppo spesso ignorate. "Capita che si passi all'atto pratico più per compensazione affettiva che perché mossi da un desiderio nudo e crudo", spiega lo psichiatra e sessuologo.
Bisogna confessare che trascorrere tante ore insieme in ufficio permette di scoprire affinità con i propri colleghi di lavoro. Talvolta, questa forte complicità professionale può concludersi con l'instaurarsi di un'intimità a tutti gli effetti.
Sottoposto a forti pressioni, un uomo può cercare un altro orecchio che lo ascolti, piuttosto che continui orgasmi. Ricordiamo che per l'uomo il sesso funge da calmante, mentre per la donna rappresenta più una sorta di antidepressivo. Poiché il sesso viene spesso utilizzato per attribuirsi nuovo valore, la sua funzione è narcisistica, soprattutto se la relazione avviene con un superiore nella scala gerarchica. Grazie al suo giovane stagista, la donna confermerà il suo potere seduttivo e terrà a distanza, almeno per qualche tempo, la paura che ha di invecchiare.

Rivalità e dipendenza

In secondo piano, esistono anche altri fattori scatenanti, come ad esempio la dipendenza. "Negli Stati Uniti, le cifre sono ufficiali: il 12% degli uomini e il 3% delle donne soffrono di sex-addiction, con una predisposizione a manifestare le loro pulsioni sul luogo di lavoro", insiste Willy Pasini. Si può essere dipendenti e scegliere la strada più semplice. In questo caso, senza relazioni affettive, né amorose, ma piuttosto uno sfogo alla stregua dell'alcol.
Da un altro punto di vista, anche la rivalità può entrare in causa. "Quando ho visto che la mia collega Samanta ci provava con il nuovo Project Manager, non ho potuto impedirmi di sfidarla sul suo stesso campo", confessa Cecilia, consulente informatico. Una riunione di lavoro si è conclusa in hotel.
Un'esperienza che lei ha deciso di non ripetere per non mettere a repentaglio la sua relazione sentimentale, né tantomeno il suo posto di lavoro. Alla fine è troppo rischioso. Stessa cosa per Giacomo, manager di un hotel di lusso. I suoi colleghi si vantano di "corteggiare" con successo il personale di servizio.
Preso in trappola da una virilità trionfante di cui portare il vessillo, sta al gioco senza prenderci troppo gusto, visto che è tanto innamorato di sua moglie.

Confessare non è necessariamente una soluzione

"Le infedeltà all'interno dell'azienda evolvono raramente in relazioni durature", avverte Willy Pasini. Da cui un discorso molto chiaro sulla tentazione di confessare, atto che finisce talvolta per generare molto rumore per nulla. Fai piuttosto chiarezza sulle motivazioni, cerca di capire se si tratta di un momento isolato o di una relazione sentimentale latente... In generale, è consigliabile confessare la scappatella solo se nasconde un effettivo malessere insito nella coppia.
Catherine Maillard

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?