Home  
  
  
    Ritrova la motivazione!
Cerca

Fatica e stanchezza
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Ritrova la motivazione!

La motivazione è l'energia che ci tiene in vita: se viene a mancare tutto ci sembra scialbo, grigio, insignificante… e perdiamo il gusto per le cose. Come fare a ritrovarla? Segui i consigli di Doctissimo per ritrovare la tua grinta.

Ritrova la motivazione!
© Getty Images

Senza un minimo di motivazione, smettiamo di agire e di creare. È il nostro carburante, la spinta all'azione che dà forza ed efficacia a ciò che facciamo. Se viene a mancare, le stesse cose che ieri ci davano slancio oggi sembrano aver perso tutto il loro sapore. Ti senti abbattuta, senza energia. È importante conoscere quali sono le molle e i freni che agiscono sulla motivazione per ritrovarla quando viene a mancare: alcuni semplici metodi tratti dalla psicologia aziendale possono aiutarci a prendere di nuovo contatto con le nostre risorse interiori.

Le molle della motivazione

La spinta fondamentale dell'essere umano è, fin dai primi giorni di vita, il soddisfacimento dei propri bisogni: chiunque abbia freddo, fame o sete, troverà facilmente l'energia necessaria per far fronte alle necessità. In una società in cui i bisogni fondamentali non devono più essere soddisfatti, le nostre aspirazioni vanno verso necessità più sofisticate che ci spingono a muoverci, a iniziare nuove attività, a metterci in gioco: il bisogno di comfort, di prestigio sociale, di beni materiali ecc. È un'altra spinta, più sottile ma non meno potente, che stimola la nostra voglia di fare, e per alcuni è il fattore più importante. Può trattarsi dell'amore, del potere, del denaro, del desiderio di creare una famiglia o di altri valori, purché siano radicati profondamente dentro di noi: agire in sintonia con i nostri valori moltiplica le energie.

A ciascuno la sua motivazione…

Poiché i bisogni (al di là di quelli vitali) e i valori cambiano da persona a persona, sta a ciascuno di noi scoprire quali sono le cose che gli infondono o tolgono energia. Ciò che appassiona Pietro può risultare del tutto soporifero a Paolo e ciò che assorbe completamente Anna può non avere il minimo interesse per Carla. Le fonti della motivazione sono infatti personali. Quello che invece è comune a tutti è che se ci impegniamo in un progetto che risponde ai nostri bisogni e rispecchia i nostri valori fondamentali trarremo piacere nel condurlo a termine.

Come la si perde…

La motivazione scompare nel momento in cui ci si trova in conflitto con ciò che per noi è essenziale. Sono molti i fattori che possono concorrere a questa situazione:

Fattori di natura esteriore:

  • Un brusco cambiamento nella sfera privata o professionale;
  • Une delusione o una perdita dolorosa;
  • Una perdita degli stimoli o degli incoraggiamenti;
  • Un carico eccessivo di preoccupazioni;
  • La mancanza o l'eccesso di responsabilità…

Fattori di natura interiore:

  • Aver fissato obiettivi troppo al di sopra delle proprie possibilità (chi troppo vuole...);
  • Attraversare una fase di profondi cambiamenti interiori nel corso della quale vengono messi in discussione i propri valori e i bisogni fondamentali.
  • Può anche accadere che, all'inizio di un nuovo progetto, un'esperienza passata non metabolizzata riemerga frenando così la nostra energia e la costruzione del futuro. Se in questi casi una riflessione personale si rivela insufficiente, è consigliabile farsi seguire da un esperto che aiuterà a scandagliare il problema e a portare alla luce ciò che ostacola i nostri progressi.

…e come ritrovarla

Per entrare di nuovo in contatto con le nostre risorse interiori può essere utile porsi delle domande fondamentali. Di cosa ho più bisogno in questo momento? A cosa do più importanza? La mia vita e le mie attività sono in sintonia con i miei valori e i miei bisogni primari? Se non è così, cosa posso fare per migliorare le cose? A volte basta un piccolo cambiamento nel nostro modo di vivere per riprendere slancio e ridare significato ai nostri progetti.

Per superare in maniera meno dolorosa le fasi della vita in cui si ha l'impressione di girare a vuoto, può essere utile ricordarsi che spesso si accompagano a grandi trasformazioni interiori. Ciò che ci assale durante questi periodi di maturazione interiore (malessere, senso di insoddisfazione, di vuoto e di mancanza) è anche ciò che alla fine ci spinge a cercare qualcosa di nuovo e a trovare nuovi mezzi di soddisfazione.

Accettare di non essere dei superuomini e di cedere il passo ogni tanto potrà solo aiutarti a cambiare!

Dominique Pir

Commenta
27/03/2012

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?