Home  
  
  
    L'impulsività
Cerca

Personalità
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

L'impulsività

Azioni compiute senza riflettere, parole pronunciate con troppa spontaneità… L’impulsività, che può risultare una qualità quando si devono prendere delle decisioni, può diventare un problema per chi ci circonda. Scopri come trasformare un carattere impulsivo in un'arma vincente.

L'impulsività
© Getty Images

Discorsi e acquisti impulsivi

Philippe agisce senza riflettere, d’impulso: in una parola, è impulsivo! Gli capita spesso di invitare a cena un collega senza prima chiederlo alla moglie. Amélie, al contrario, può seguire un’amica che va in piscina senza averlo programmato, dovendo quindi comprarsi un nuovo costume strada facendo… Non sarà un pochino troppo impulsiva?

Gli psichiatri non sono sempre teneri nei confronti dell’impulsività, definita così dal Dottor Charles-Edouard Rengade : "L'impulso è la tendenza imperiosa e irresistibile a eseguire un’azione, nella maggior parte dei casi inutile, involontaria, incoercibile". Secondo gli psicologi è un tratto di carattere, una tendenza a rispondere rapidamente a uno stimolo, interno o esterno. L’impulsività, che per gli uni rappresenta una qualità e per gli altri un disturbo della personalità, non è sempre ben accetta dall’entourage. Osserviamo in dettaglio dei combinaguai che spesso si trovano dove meno ci si aspetta.

Impulsività emozionale, o intellettuale

Si possono distinguere due tipi di comportamento impulsivo:

• "L'impulsività di tipo emozionale, spiega il Dottor Charles Edouard Rengade, considerata come un disturbo relativo al controllo delle emozioni". Se ad esempio stai camminando per la strada e passi davanti a una panetteria, da cui proviene un profumo di brioche calde. Preso da una voglia irresistibile, entri per comprarle. Gli impulsivi cedono facilmente anche agli eccessi di collera o a una gioia eccessiva… Tollerano male la noia, cambiano spesso attività e possono essere molto incostanti, perché è il bisogno di novità a stimolarli, la ricerca di nuove sensazioni.

• "L'impulsività di tipo cognitivo è diversa", aggiunge il nostro esperto. "Essa spinge ad agire rapidamente, senza tener conto delle conseguenze delle proprie azioni". Dopo aver ricevuto la telefonata di un amico puoi cambiare programma e annullare un altro impegno con un semplice sms, oppure puoi lanciarti a capofitto in un progetto, come ad esempio l’organizzazione di una festa a sorpresa per il compleanno di un parente o un amico, e poi lasciar perdere altrettanto rapidamente; fai fatica a perseverare e a portare a termine ciò che intraprendi, e ti stanchi facilmente.

Vizi e virtù dell’impulsività

Come riconoscere un’impulsività "buona" da una "cattiva"? "Gli impulsivi posseggono delle preziose qualità" assicura il Dottor Rengade: prendono rapidamente delle decisioni, sono dei combattenti, dei vincenti. Originali e creativi, sono spontanei e molto spesso intuitivi. Tra i loro assi nella manica c’è infine la capacità di adattarsi ai cambiamenti e la flessibilità…

Ovviamente esiste anche il rovescio della medaglia: l’impulsività può causare numerosi inconvenienti. Secondo il nostro esperto "è il concetto di quantità a fare la differenza". Quando si esprime al momento opportuno, l’impulsività è positiva, ma il problema è che non è sempre così: per alcuni impulsivi è diventato un vero e proprio stile di vita, l’unica risposta a svariate situazioni.

Per ritrovare la bussola occorre semplicemente osservare le conseguenze dei propri gesti impulsivi: il risentimento di un familiare o di un amico avvertito sempre all’ultimo momento, le lamentele di chi ti sta intorno, ecc. Se ti rimproverano troppo spesso le tue mancanze, di essere affidabile, è importante tenerne conto. "Se le persone che ti stanno intorno ti rimandano spesso un feedback negativo, è consigliabile interrogarsi sulla fondatezza dei loro commenti…prima di rischiare di ritrovarti solo" consiglia il Dottor Rengade.

Ci sono poi gli impulsivi "trasgressivi"… Al volante, per esempio, tendono a passare spesso con il rosso e a provocare litigi… Si tratta di comportamenti che rischiano di avere conseguenze non trascurabili!

5 consigli per gestire l’impulsività

• Impara a differire le tue voglie. Le nostre nonne raccomandavano di contare fino a 10 prima di parlare: ecco un segreto vincente per gli impulsivi. Oppure bevi un bicchiere d’acqua: l’importante è trovare un gesto efficace che ti permetta di osservare una pausa.

• Pianifica le tue azioni. Prenditi del tempo per fare una gerarchia delle tue priorità: ciò ti aiuterà a portare a buon fine i tuoi progetti senza esaurire le tue energie.

• Rimanda gli acquisti al giorno dopo. Per quanto riguarda nello specifico le tue spese, non lasciarti andare all’impulso del momento: rinvia gli acquisti al giorno dopo, verificando se hai davvero bisogno di quel prodotto.

• Esprimiti con le parole prima di passare all’atto. Di’ quello che senti, parla prima di agire…

• Rilassati. L'impulsività va di pari passo con una forte ansietà: le tecniche di rilassamento o di respirazione ti aiuteranno a rilassarti e a lasciare il tempo al tempo.

Catherine Maillard

Commenta
23/07/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?