Home  
  
  
    Arrabbiarsi fa ingrassare
Cerca

Rabbia e rancore
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

La rabbia fa ingrassare

Porte che sbattono, insulti che volano… a volte fai fatica a gestire le tue emozioni. Sappi che questi forti attacchi di collera possono avere conseguenze dirette sulla tua linea. Se non vuoi accumulare chili di troppo e correre rischi cardiovascolari, quindi, impara a restare calma!

Arrabbiarsi fa ingrassare
© Getty Images

Le campagne di prevenzione dell’American Heart Association potrebbero ben presto basarsi su un nuovo e originale slogan: “Controllate le vostre emozioni!”. Questo curioso annuncio è stato fatto dai ricercatori dell’Università di Houston in occasione della 44˄ conferenza annuale del prestigioso ente.

Le conseguenze della rabbia

Un legame tra sovrappeso e sentimenti collerici negli adolescenti si sospettava già dagli anni ’90. Da allora, però, questi sospetti non erano mai stati avvalorati. Oggi una ricerca effettuata su 160 adolescenti conferma questa associazione1. Approfittando di una vasta inchiesta epidemiologica denominata Progetto Heartbeat (cioè Progetto Battito Cardiaco) condotta su ragazzi dagli 8 ai 18 anni, i ricercatori si sono concentrati sugli adolescenti tra i 14 e i 17 anni per seguire l’evoluzione del loro indice di massa corporea (IMC) e la loro capacità di controllare gli eccessi di collera. I risultati sono sorprendenti:

• Il controllo medio delle emozioni aumenta con l’età ed è più alto negli adolescenti con gli IMC più bassi

• L’espressione della collera diminuisce con l’età ma resta più alta nei bambini con gli IMC più elevati

Gli autori precisano che né il sesso, né l’origine etnica hanno influito su queste conclusioni.

Rabbia e sovrappeso

Gli adolescenti che fanno fatica a controllare le loro emozioni presentano dunque un rischio più alto di sovraccarico ponderale. Come spiegare questo fenomeno? Per il Professor William Muller, principale autore dello studio, “alcuni problemi nell’esprimere la propria collera possono tradursi con la comparsa di disturbi del comportamento alimentare e con un aumento di peso, che conduce a un rischio di malattie cardiovascolari in giovane età”. Secondo lui, “i bambini che esprimono in modo anomalo la loro collera, sbattendo le porte, per esempio, tendono a isolarsi, a guardare la televisione e ad allontanarsi dagli amici”. Tutti comportamenti che favoriscono la sedentarietà e il sovrappeso.

Secondo gli autori, queste scoperte potrebbero avere conseguenze mediche dirette. Dovrebbero infatti incoraggiare i medici a seguire la salute emozionale dei bambini, senza limitarsi a sorvegliare la loro alimentazione o la loro attività fisica. “Dobbiamo privilegiare un approccio sociologico più ampio. Risolvere lo stress o imparare a gestire i conflitti sono abilità che apporteranno benefici alla loro vita quotidiana”, aggiunge William Muller.

Arrabbiarsi fa male

Ma la collera non è dannosa solo per la silhouette. Ricerche precedenti hanno riscontrato una relazione stretta tra la cattiva gestione delle emozioni e un rischio più elevato di malattie cardiovascolari.

Così, dopo aver seguito 1055 uomini per oltre 30 anni, alcuni studiosi americani hanno esaminato la comparsa di malattie cardiovascolari prima dei 55 anni in funzione della loro reazione allo stress. Risultati: il pericolo cardiovascolare dei più collerici era tre volte più alto di quello degli individui più calmi. Il rischio d’infarto era addirittura moltiplicato per sei!

Da sempre i poeti hanno fatto del cuore la sede delle emozioni, ora gli scienziati stanno man mano scoprendo questi legami. Una cosa comunque è ormai certa: una migliore gestione della collera potrebbe risparmiarti problemi di cuore e di sovrappeso. Pur senza aspirare alla saggezza di un maestro zen, perché non approfittare dei nostri consigli per gestire meglio le proprie emozioni o optare per un po’ di crescita personale?

David Bême

Commenta
02/08/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?