Home  
  
  
    Che cos'è la paura?
Cerca

Stress
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Che cos'è la paura?

La paura è un'emozione normale dell'organismo, alla stregua della gioia o della tristezza. Il suo ruolo è quello di proteggerci mettendo il nostro corpo in allerta quando si riceve uno stimolo esterno, quale un rumore o un'immagine visiva...

Che cos'è la paura?
© Getty Images

Le manifestazioni della paura possono essere molto diverse da un individuo all'altro. Per alcuni, questa emozione è stimolante, come nel caso dell'ansia da palcoscenico dell'artista. Per altri, invece, la paura paralizza e inibisce qualunque reazione…

Potenziare l'attenzione e la concentrazione

Quando il nostro organismo riceve uno stimolo esterno, entra nella cosiddetta "fase di choc". Questa situazione determina la stimolazione di una zona situata alla base del cervello, che secernerà adrenalina e altri neurotrasmettitori. Queste sostanze agiscono sul cuore, sui vasi sanguigni e sui muscoli per scatenare la reazione del nostro corpo. La nostra risposta sarà più o meno intensa e frequente a seconda della nostra capacità di reazione a tali sostanze. Nella migliore delle ipotesi, la paura ci pone in uno stato di tensione positiva, ovvero stimolante, che innalzerà il nostro livello di attenzione e concentrazione. Al contrario, alcune persone sviluppano sintomi che possono essere fastidiosi, come dolori addominali, vampate di calore, reazioni epidermiche...

Ogni individuo reagisce in modo diverso alla paura

È in primo luogo l'intensità delle secrezioni a determinare le conseguenze per l'organismo. Intervengono però anche altri fattori, tra cui, forse, una componente genetica che induce lo sviluppo di reazioni più o meno forti, già presenti nella prima infanzia. Alcuni bambini, infatti, sono più ansiosi di altri e reagiscono in modo sproporzionato a situazioni inoffensive. I fattori ereditari corrisponderebbero a circa la metà delle cause che aggravano i sintomi della paura. Anche il contesto sociale è molto importante (genitori ansiosi, iperprotezione del bambino…). Tra gli altri fattori da tenere in considerazione, figurano quelli ormonali. La pubertà, la maternità e la menopausa, infatti, provocano nella donna scombussolamenti ormonali che accentuano l'ansia e, di conseguenza, la propensione a sviluppare sentimenti di paura.

Ayla Seugon

Commenta
23/09/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Momento di malinconia o depressione?

Test psicologia

Momento di malinconia o depressione?